Category Archives: Appunto

radiofonismi bis

Pablo Creti, della Rete 3 della Radio Svizzera Italiana , recensisce Bioshock – Nel nome del padre con molta verve tipica della gioventù sua e della redazione in cui lavora. Lusinghierissimo e gentilissimo lo ringrazio sin d’ora e per ancora un po’ di tempo. Ascoltate la recensione qui.

Advertisements

Leave a comment

Filed under Appunto

rotondità

In un folle gesto di follia il sottoscritto si butterà sabato in una densissima tavola rotonda al Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo Davinci nell’ambito della rassegna Assassin’s Creed Art (R)evolution. Il titolo della “rissa reale” sarà Around Assassin’s Creed e verterà su un po’ tutto quello che viene in mente a noi e ai moderatori/assalitori Emilio Cozzi e Alessandra C. Io porto una versione light di Coraggioso Nuovo Mondo (che già esposi a Parolario esattamente un mese fa tra l’altro), poi si vedrà. Il tempo sarà tiranno anche se si inizia alle 14:30 però ci sarà anche il buon Luca Roncella e nel pubblico mio padre e mio zio (auguri, è il suo compleanno). Amen.

il link all’evento, qui

(comunque sì, sto giocando a Resident Evil 6 ed è abbastanza una manna per il critico, purtroppo ho molto poco tempo e vado a rilento ma pazientate che ne vale la pena)

Leave a comment

Filed under Appunto

Stralci: “Guild Wars 2”

Image

Parti scartate e/o mai scritte di mie recensioni cartacee.

_____

“È tutto, tutto inteso anche come grande, tantissimo, montagne di roba, ma veramente montagne molto molto bello”

“Mi piace notare come, GW abbia corretto alcune sue pecche andando verso WoW mentre WoW, in verità, con gli anni si è avvicinato di più al primo GW addirittura eccedendo nella semplificazione. Ogni tanto ci penso, ma chi ce le ridarà quelle versioni iniziali di WoW fatte di esplorazioni, sfacchinate e interazioni con cose impossibili. Chi ce lo ridarà il mistero di quelle giornate spese a vagare a muzzo chattando coi compagni di gilda decifrando il mondo di gico? Adesso l’evoluzione darwinistica del game design ha cancellato quella wasteland senza nemmeno pensarci su troppo con un paio di trovate/automazioni che, di fatto, hanno cambiato tutto. GW2 torna in dietro, in questo senso, e lascia ancora il mondo da percorre, da navigare e vuole che sia così dà un significato alla spazialità digitale, alla sfacchinata fuori porta, che Blizzard ha cancellato per comodità mica per altro e lo fa, semplicemente premiando. La gente sembra apprezzare, eccome. In questo senso NC Soft vince, vince anche perché si porta dietro una totalità di “innovazioni” (parola ormai d’obbligo per il videogame) tratti a forza da giochi single player di successo. La ricetta è ottima e l’intruglio è a prova di bomba”.

“La cura nel dettaglio, la pulizia, secondo me non ha paragoni nel genere e addirittura batte senza pietà una gran quantità di giochi single player anche grossi. L’editor dei personaggi, le razze e le classi che hanno diverse strutture fisiche a dipendenza della classe sono pazzesche. Pregio anche la colonna sonora ottima, anzi ottimissima”.

“Mi ricordo, ai tempi, quando uscì Guild Wars io giocavo abbastanza assiduamente a WoW. Io lo ordinai da Play.com perché mi profumava di buono (e lo stesso feci con Faction, pazzesco) tutt’ora di GW, malgrado fosse un gioco istanziato spietatissimo (con alcune idee veramente ottime, tipo la bi-classe e la gestione delle skill stile “mazzo di Magic”) la roba che mi è rimasta più impressa, devo dire, è la geografia e gli scenari naturali-bucolici. E, in questo, è GW2 è fortissimo. Non solo rispolvera (per gli umani) i dintorni delle spettacolari zone iniziali di GW ma, per una volta, pone al centro l’architettura tramite la meccanica della ricerca dei Punti-Panorama. È una gran bella cosa.”

Leave a comment

Filed under Appunto

friendmail: backstage Parolario @Villa Olmo (CO)

Ripasso l’intervento “Coraggioso Mondo Nuovo” per il festival Parolario in sala in ampissimo anticipo. Grazie alla gentilezza & professionalità dello staff, Chiara in primis. Grazie anche ad Andrea Peduzzi che è quasi un fratello(ne). Grazie al ragazzo biondo con la t-shirt rossa che ha preso appunti per tutto il tempo ma non ha voluto fare domande anche se sollecitato di punto in bianco (sono stato malvagio, perdonami oh giovine). Chiedo scusa se sul finale ho incespicato con qualche parola ma dopo un’ora e mezza di parlata fitta fitta non ce la facevo mica più!

1 Comment

Filed under Amici, Appunto

parole parole parole

Portare i videogiochi in un festival letterario è un piccolo grande passo per l’uomo ma anche per l’umanità o forse meglio per l’umanoidocatodicipirillacherità. In ogni caso ce l’abbiamo fatta, o meglio ce l’ha fatta il fido Andrea Peduzzi che mi ha prodigiosamente imbeccato. Quindi presenterò Bioshock – In nome del padre, ma nemmeno tanto, si parlerà di narrazione e videogiochi, cose buone e cose cattive. Penso che ci divertiremo perché siamo buontemponi e anche abbastanza sulla stessa lunghezza d’onda. L’appuntamento è quindi per il 5 settembre alle ore 17:00 presso la sontuosissima Villa Olmo nel comasco. Più dettagli qui.

Leave a comment

Filed under Appunto

friendmail [scambismi backstage]

In realtà poi non mi sono tenuto, questa era troppo bella.

Leave a comment

Filed under Amarcord, Amici, Appunto

scambismi

Ospite fugace nella Kasbah presso Porta Lame (Bologna) dell’amico ed esimio semiologo (nonché pregevole pifferaio traverso) siculo Dario Compagno ne approfitto per uno scambio semi-equo. Una copia del mio Bioshock – in nome del padre in cambio di una sua di Dezmond- Una lettura di Assasin’s Creed una carpiata analisi barthesiana di Assassin’s Creed 2. Domani sul treno per Modena, se i manga su iPad non mi seducono ci darò volentieri una letta certo di imparare tante nuove cose sul mondo della semiotica che in realtà non frequento per nulla. Voi comunque compratevelo che fa sempre bene e checkate il sito web dedicato. Tra l’altro le foto erano molto di più ma mi sono tenuto per pudore forse anche giustificato.

Leave a comment

Filed under Amarcord, Amici, Appunto